Anno Sabbatico

F.G.: Sabato 25 marzo é stato il giorno che, più di ogni altro ha confermato la legge di Murphy: "se nel giro di molti mesi capiteranno tre eventi socialmente importanti, saranno tutti e tre nella stessa sera". E per non farci mancare nulla ce ne sarà anche un quarto, di cui non t'importa un bel niente, ma che manderà il traffico in tilt.
Villa Casnati, Bussero
L'evento più importante è stato naturalmente l'episodio di apertura del terzo anno di Aeterna Nox (la visita del Papa era solo una copertura per nascondere l'elezione del Principe dei Vampiri. Gli organizzatori del gioco non hanno badato a spese per ingaggiare i PNG, ma dobbiamo pur tenere il passo con la Cronaca di Budapest, che ha i migliori costumi). Il Live si è svolto come sempre in una location storica di pregio, una delle tante piccole gemme incastonate nella corona lombarda: Villa Casnati di Bussero.
Non ho una foto di Ignoranzio, questo é uno dei Narratori
Sebbene più modesta rispetto al teatro abituale (il Castello Colleoni) la villa si presta ad accogliere il momento di incertezza che, all'inizio della nuova stagione stanno vivendo (se così si può dire) i vampiri di Milano.
Mentre nuovi giocatori si uniscono alla vicenda, qualcuno cambia personaggio: il premio per la miglior interpretazione della serata va a Ignoranzio, un vampiro che é stato prima dell'Oscuro abbraccio un muratore bergamasco e ora é un guerriero del clan Bruja.
In occasione del terzo anniversario, la Narrazione offre ai giocatori uno sconto di 5€ sull'iscrizione alla serata, e un pezzo di torta con ripieno di scaglie al cioccolato. Ma ora, senza indugio, andiamo a vedere cosa é successo in gioco.
I.G.: Lo scorso Live si era concluso con l'abdicazione del principe Ludovico Dionigi Maria Sforza. Il trono di Milano era rimasto così vacante, proprio all'indomani dell'attacco del Sabbat, che ha sottratto molti territori ai sette clan della Torre d'Avorio, creando un anello attorno alla città di Milano e stringendo d'assedio il cuore del Principato.
I vampiri di Milano e i loro territori
Unico a resistere il clan Gangrel, i cui territori entrano come un cuneo a spezzare l'anello; per questo il Primogene Gangrel, Carmelo, viene nominato Reggente, nonostante la perdita dei privilegi del suo clan. Quasi spazzati via invece il clan dei Tremere e quello dei Malkavi.
Da fuori arriva intanto un Arconte, un'Ancilla del clan Toreador, per presiedere all'elezione di un nuovo Principe.
Senza un Principe, Milano é in pericolo
Con il trono vacante, il Principato non é mai stato più in pericolo: la Camarilla manca di unità, non solo tra un clan e l'altro, ma anche all'interno degli stessi clan. Mentre l'Arconte indice un Consiglio delle stagioni, allo scopo di eleggere un nuovo principe e di trovare la miglior strategia contro i vampiri anarchici del Sabbat, Riccardo, la Progenie Vampirica di Carmelo, contesta al suo Sire la Primogenitura del Clan.
Nel mezzo del conflitto tra i due emerge però Viper, una guerriera Gangrel saggia e rispettata che, riferendo le parole degli Anziani, incita il clan all'unità.
Viper é però restia ad assumerne la guida, nonostante le insistenze di Corvo Lunanera e Volperossa.
Occorre trovare una strategia comune per respingere il Sabbat
Dello stesso avviso di Viper sembra essere l'Arconte, che richiama più volte i clan della Torre d'Avorio all'unità, e ricorda la minaccia dei Sabbatici contro cui non esiste alcuna strategia comune.
Sotto la pressione del Consiglio delle Stagioni, Carmelo diventa rappresentante dei Clan Indipendenti (i "Senza Voce") e Riccardo rinuncia per il momento a sfidarne la posizione, rimandando le dispute a dopo la battaglia con il Sabbat. I Primogeni di ogni clan votano per eleggere un nuovo principe, ma il voto porta a uno stallo: tre voti per rimettere sul trono il vecchio Principe, tre voti per la rinnegata Thelma del clan Bruja.
La nomina di Thelma causa una forte protesta tra i clan nobili e quelli indipendenti, che rifiutano la possibilità di avere una rinnegata sul trono; l'Arconte indice quindi una nuova votazione, stavolta a porte chiuse, al termine della quale Ludovico Dionigi Maria Sforza viene rieletto Principe.
Ancora vacanti le cariche, la cui nomina il Principe annuncia di voler rimandare al Prossimo Elysium (vogliamo Ignoranzio come nuovo Sceriffo!).
Con la riappropriazione del trono da parte del principe Sforza, il gioco giunge al Time out.

Visioni apocalittiche

Riparte dopo la pausa estiva anche il Live di Licantropi La Profezia della Luna Rossa.
Grosse novità sia di regole che di ambientazione, con l'uscita della nuova edizione del manuale White Wolf, un mostro di 720 pagine che riprende e concentra tutti i moduli precedenti, facendo pulizia nella selva di regole che il sistema Mind's eye Theathre era diventato.
A sconvolgere il gioco tuttavia é la grande novità all'interno dell'ambientazione: niente meno che l'Apocalisse.
Lo scopo della Nazione Garou (i Licantropi) é sempre stato di mantenere l'equilibrio tra le Tre Forze che governano il Mondo, il Wyld (il Caos) il Wyrm (la Distruzione) e la Tessitrice (l'Ordine). Ora però queste forze sono entrate in conflitto, precipitando il mondo verso la distruzione.
In risposta a ciò la Nazione Garou si é spezzata in due: una parte, soprattutto i guerrieri, intendono continuare la guerra contro il Wyrm fino alla fine, mentre una seconda fazione, il Concordato delle Stelle, si adopera per ristabilire l'Equilibrio.
Il Cairn di Monza é uno dei pochi rimasti integri, e spetta ai suoi branchi (i Custodi dell'Equilibrio, gli Spaccaossa e il nuovo Branco delle Lune in Canti Sorgenti) proteggere uno degli ultimi santuari di Gaia.
Orso Mannaro
Compito tutt'altro che facile, poiché l'Apocalisse ha indebolito i sigilli che tenevano imprigionata una potente creatura del Wyrm, ed é necessario imprigionarla di nuovo.
Il nuovo Alpha degli Spaccaossa
La Nazione Garou quindi serra i ranghi: alcuni lasciano Monza nel tentativo di contattare gli altri Cairn rimasti, mentre nuovi guerrieri arrivano a dar man forte al Sept della Luna Rossa (FG: alcuni giocatori lasciano il Live, altri si aggiungono). Tra loro, anche un essere quasi altrettanto leggendario tra i Garou quanto i Garou lo sono tra gli Umani: un Orso Mannaro.
Non c'é il tempo tuttavia di accoglierlo come si conviene, perché Caleb, l'Alpha degli Spaccaossa, é scomparso, e si teme che abbia bevuto del sangue di Vampiro, un gesto che tra i Licantropi equivale ad Alto Tradimento. Il nuovo Alpha, Gustavo, ordina la sua ricerca.
Una nuova Sorella si unisce invece al Branco delle Lune, ma neppure per lei c'é il tempo per i convenevoli: un duplice attacco dei Black Spiral Dancers ai Sigilli costringe l'intero Sept a dividersi per respingere il nemico e soccorrere i Kinfolk.
I Narratori qui sperimentano nuove tecniche di gioco, assegnando a uno dei due gruppi il compito di interpretare gli aggressori, e dando loro delle mini-schede come PNG.
Mini-schede PNG
L'idea all'inizio sembra di giocare due scontri, uno per ciascun gruppo, ma il primo scontro si protrae più a lungo del previsto, e la stagione restringe i tempi di gioco accorciando le giornate, quindi il secondo gruppo arriva sul posto solo per trovare un mucchio di nemici morti, uccisi probabilmente dalla Tecnocrazia (la natura decide in quel momento di imitare l'arte con il tempestivo passaggio di un elicottero a volo radente).
Dopo la battaglia
Vinta la battaglia, arriva finalmente il momento di dare il benvenuto ai nuovi guerrieri con un banchetto, assegnare le cariche, accordarsi sulla nuova politica del Sept alla luce dello scisma nella Nazione Garou e decidere le migliori strategie per la futura protezione dei Sigilli, ma ancora una volta il Destino non ci lascia il tempo di festeggiare: il nostro oracolo Tersite riceve all'improvviso una visione spaventosa...
Igor Comunale
Questo cliffhanger chiude l'episodio, e i giocatori che non vanno subito a casa si riuniscono attorno a un tavolo alla vicina Osteria del Dosso per accordarsi sulla logistica delle prossime sessioni e scambiarsi pareri e notizie sul nuovo manuale, che dovrebbe uscire a dicembre.
Scopriamo anche una curiosità: il manuale é stato realizzato in crowdfunding con la collaborazione dei giocatori, i cui nomi sono stati poi elencati nell'ultima pagina.
Tra i nomi sull'elenco anche quello del nostro Narratore Igor Comunale.
Continuate a leggere.

Chiusura

Sono tornato dalle vacanze appena in tempo per partecipare all'ultima sessione di Licantropi della stagione. Si chiudono le vecchie trame, e anche la maggior parte dei sigilli.
Gli eventi dell'ultima sessione di Vampiri risuonano anche tra gli alberi del Cairn.
Grandi novità in arrivo, con l'uscita del nuovo manuale ufficiale della White Wolf, che vede anche significative modifiche all'ambientazione.
Rimando al prossimo Live per tutte le novità. 
Continuate a leggere.

Aeterna Nox (Vampiri Live): Chiusura di Stagione

Con il tredicesimo episodio si chiude la seconda stagione
delle Cronache dei Vampiri di Milano
Ben ritrovati, miei amati lettori che vi aggirate come spettri tra le ombre dell'Insubria di Tenebra. Perdonate la lunga pausa negli aggiornamenti di questo blog, ma oltre ad essere stato molto impegnato su altri fronti, le trame concepite dalle menti contorte dei Narratori di Aeterna Nox erano diventate così intricate che neppure io riuscivo a seguirle e infatti mi è stato più volte ripetuto (dai Tremere) quanto ero lontano dalla verità.
State lontani, mordo!
Giunti al tredicesimo episodio tuttavia, si conclude la seconda stagione di Aeterna Nox Live, e tutte le trame rimaste in sospeso convergono verso la battaglia finale, in cui il grande avversario che tramava contro i vampiri di Milano, e che era rimasto fino ad ora nascosto tra ombre così profonde che neppure i Figli della Notte osavano entrarvi, finalmente mostrerà il suo volto.
No, non è la ragazza nella foto qui accanto.
La fine della stagione infatti non ha impedito l'arrivo di nuovi giocatori, in larga parte emigrati dalla Vecchia Cronaca di Pavia.
Se qualche mese fa il Clan Gangrel ha visto l'arrivo di nuovi Fratelli, ora tocca al Clan Giovanni.
L'espansione delle Cronache Milanesi nel territorio di Pavia é stata consolidata nella scorsa sessione, un Live esterno che si è tenuto proprio a Pavia a seguito di una collaborazione tra Aeterna Nox e l'Associazione Aerel.
Il Principe dei Vampiri governa Milano con
il pugno di ferro. E non é solo un modo di dire.
La sede del Broletto non era purtroppo disponibile, ma l'organizzazione è comunque riuscita a mettere in piedi un Elysium provvisorio, dove si é svolta una battaglia che ha visto i Gangrel e i Tremere, per una volta dalla stessa parte, fare irruzione in un covo di Setiti per recuperare alcune reliquie e giustiziare un traditore.
In seguito, forte del prestigio guadagnato, il nuovo Primogene Gangrel ha tentato, contro il parere del suo predecessore, di trasformare il Principato di Milano in una Terra Libera Gangrel,  lo scontro con il principe non si é però risolto in suo favore.
Ma riprendiamo in mano, ancora una volta, i fili delle trame della Cronaca, e procediamo con ordine.
Il Mago Setita
La misteriosa "malattia" che ha colpito i Vampiri di Milano é in realtà la maledizione di un Mago Setita (non un vampiro) che segue il Sentiero di Tifone, ossia una tradizione magica che trae la sua forza dal puro Caos. Dal suo punto di vista, la follia che colpisce i vampiri é in realtà un dono, in quanto li sottrae dalle regole che sono state loro imposte dalla Maat,  avvicinandoli al Caos e quindi alla libertà.
In quanto seguace del Caos tuttavia, il mago offre ai vampiri una possibilità di rigettare il suo dono: raggiungere la stele che è la fonte del suo potere prima che sia compiuto il rituale che renderà la maledizione permanente.
La stele e l'unico luogo in cui il mago può essere ucciso, e per riuscirci é necessario usare alcuni oggetti di cui i vampiri si sono impadroniti nelle precedenti sessioni; tra questi, un pugnale che i Licantropi considerano una reliquia sacra e non sono per nulla felici di saperla in mano ai "succhiasangue".
Le Reliquie
La stele inoltre è protetta da una barriera magica che può essere attraversata soltanto abbracciando ancora di più il Caos, che si traduce in automutilazioni, oscuri segreti rivelati e uccisioni in preda alla Frenesia.
Un attimo prima di soccombere, la stele viene raggiunta, e il mago annientato assieme alle creature mostruose da lui evocate.
la stele
La battaglia è vinta, ma l'equilibrio dell'intero Mondo di Tenebra ne esce alterato per sempre: con le reliquie profanate, un potere ancora più oscuro che minaccia di liberarsi, e la misteriosa Tecnocrazia che compare all'improvviso nel territorio dei Licantropi, il palcoscenico è pronto per ospitare la prossima cronaca di Aeterna Nox, che partirà con la nuova stagione.
La Tecnocrazia
Continuate a leggere...

Aeterna Nox: Secondo Anniversario

Bentornati negli oscuri recessi dell'Insubria di Tenebra, con l'undicesimo Live di Vampires: the Masquerade di Aeterna Nox, che coincide con il secondo anniversario della nascita dell'Associazione Aeterna Nox.
Il nuovo inizio è segnato da nuovi arredi scenici, primo fra tutti il trono, realizzato personalmente dal presidente dell'associazione Claudio "Maina" Mainardi, che oltre a essere una splendida riproduzione è anche comodo (Maina prende commissioni?) e da alcune notizie in anteprima per la nuova stagione. Prima di iniziare tuttavia, l'organizzazione del Live ha radunato tutti i giocatori nella torre del Castello Colleoni (Solza, BG) per una piccola festa, completa di torta e spumante, per celebrare la ricorrenza. Come sempre il buffet contribuisce almeno per un terzo al successo del Live, ma assume in questa occasione il livello di un evento nell'evento. Se fosse durato ancora un po', non avremmo avuto neppure il tempo di giocare, anche a causa del passaggio all'Ora Legale proprio quella notte, ma i soldi pagati per la serata sarebbero stati più che ripagati dalla torta.
Quello che pone Aeterna Nox un gradino più in alto rispetto ad altri Live a cui ho partecipato negli anni, da Camarilla Italia alla Vecchia Cronaca, è la vastità dello sguardo che getta sul Mondo di Tenebra della White Wolf, abbracciandolo (LOL) in tutti i suoi aspetti, non solo limitati ai Vampiri.
A fianco della Cronaca dei Vampiri di Bergamo/Milano e a quella dei Licantropi a Monza infatti, lo staff di Aeterna Nox ha annunciato la prossima partenza di un nuovo Live, nella stessa continuity, su cui per il momento non ci sono state anticipazioni.
Voci indiscrete raccolte prima della festa invece, rimandano all'intenzione degli organizzatori di affiancare ai Live un piccolo corso per interpretare meglio i propri personaggi, approfittando del fatto che alcuni dei giocatori si sono già esibiti in spettacoli teatrali. Non si tratta di vere e proprie lezioni di recitazione, piuttosto di un corso accelerato di interpretazione, ma mi sono preso la libertà e la responsabilità di suggerire il nome anche della mia insegnante di teatro (Daniela Iotti, della Compagnia Dramatrà) e del direttore dell'Accademia Gens d'Ys Umberto Crespi, presso cui si svolge il corso, nel caso ce ne fosse bisogno.
Ma ora lasciamo la parte Fuori Gioco ed entriamo In Gioco, per scoprire cosa è successo alla Corte del Principe dei Vampiri di Milano durante l'Undicesimo Elysium dalla rifondazione del Principato.

NOTA: quello che segue è il punto di vista del mio personaggio Corvo Lunanera del Clan Gangrel, e rispecchia le sue impressioni, non necessariamente la trama vera e propria.

Notte tranquilla alla Corte del Principato di Milano: niente scontri con i Sabbatici, niente attacchi di Lupini, niente demoni che compaiono all'improvviso nel mezzo della Sala del Trono né principi o alte cariche che scompaiono senza lasciare traccia.
Si potrebbe quasi definire una notte noiosa, tranne che per il Clan Gangrel (e non dovrebbe essere una sorpresa) coinvolto in un incidente che ha quasi causato un'infrazione della Masquerade. la situazione, per fortuna, è poi rientrata, ma come conseguenza il Clan ha ora un nuovo Primogene.
La serata si era aperta in modo in apparenza innocuo: il Principe ha riunito le Cariche e i Primogeni dei vari clan e ha rivolto un annuncio alla Corte: i principati vampirici di tutta Europa hanno messo l'Italia in quarantena, a causa di una malattia che fa impazzire i vampiri.
Non mi sto ubriacando, è un rituale... Giuro!
La notizia porta un comprensibile sgomento. A Milano, chi ne sa di più sulla Malattia è il Dr. Sangue, Primogene del Clan Tremere, a cui viene data la parola.
Costui afferma di non essere a conoscenza della causa della malattia né di una cura, attirando su di sé il sarcasmo  dei Gangrel (Se lui è quello che ne sa di più, siamo in alto mare, è stato il commento del Primogene Carmelo).
Il Principe richiama all'ordine, solo per essere di nuovo interrotto, con una palese infrazione del protocollo e una reazione irata dello Sceriffo e del Siniscalco, da un altro membro del Clan Tremere, che si trova su una sedia a rotelle, con due sacche di sangue appese sopra lo schienale.
Chi è così idiota da affrontare un mago da solo?
Quest'ultimo afferma che la Malattia non è affatto una malattia, ma la maledizione lanciata da un mago contro i vampiri; un mago che lui avrebbe affrontato di persona, con l'aiuto del suo fratello di clan Beniamino il Cabalista. Il risultato del loro fallimento va ben oltre l'evidenza: infatti, buona parte dei membri del Clan Tremere, compreso lui stesso e il Dr. Sangue, sono caduti vittima della Follia Oscura.
Terminato l'intervento dei Tremere, prende la parola il nuovo arrivato del Clan Gangrel, un certo Nate, iniziato alle arti sciamaniche dei Licantropi, il quale ricorda al Principe il motivo per cui è venuto a Milano: c'è una guerra civile in corso tra i vampiri della Scozia, il cui fronte si sta spostando verso l'Italia. Ha già coinvolto la Sardegna e presto raggiungerà anche Milano (NOTA FG: il mio personaggio nel Live di licantropi, Rex Phantom, viene dalla Scozia. Potrebbero essergli giunte voci della guerra tra vampiri?).
I vampiri scozzesi stanno venendo a Milano, e il Clan Gangrel
ha un nuovo Primogenito.
Nate offre poi i suoi servigi al Principato, proponendo di raccogliere informazioni sulla diffusione della Malattia dai suoi ex compatrioti del Principato Vampirico di Chicago, dove è stato Sceriffo, con i quali entrerà in contatto grazie a un rituale che ha imparato dai Nativi Americani. Il rituale ha successo, e da Chicago sappiamo che la Malattia è diffusa ovunque, ma gli Americani sono gli unici ad avere abbastanza sangue in corpo da ammetterlo.
Tuttavia, come effetto collaterale, scopriamo che Nate ha una doppia personalità, legata a quanto pare alla Spirale Nera. Sotto l'influenza di questa seconda personalità, assume forma di lupo fuori dall'Elysium, rischiando di farsi vedere dagli umani. Per fortuna, a causa dell'ora tarda non ce ne sono nei dintorni, e l'incidente viene liquidato come il latrato di un cane e una rissa tra ubriachi.
Il Principe mostra la Reliquia
Nate e la sua compagna Viper non sono soddisfatti di come Carmelo ha gestito la crisi, perciò Nate lo sfida per la carica di Primogene.
Sconfitto, Carmelo Lascia il Principato (FG: probabilmente cambierà personaggio).
Torniamo quindi nella Sala del Trono, dove il Principe mostra un oggetto, un antico pugnale che risale ad un'altra Era del Mondo e che è l'unica cosa che può uccidere il mago e porre fine alla Maledizione.
Sfortunatamente i Lupini considerano il pugnale una loro reliquia sacra, e lo rivogliono indietro anche a costo di rompere la tregua con i Vampiri.
Il Principe ha intenzione di proporre una rischiosa quanto improbabile alleanza: Licantropi e Vampiri contro Maghi....

Per ora è tutto dal Mondo di Tenebra. Lunga Notte, e arrivederci al prossimo Elysium.

Buon compleanno

Duca di Insubria e Insubria di Tenebra augurano buon compleanno ad Anna Eleonora Colombo, ALIAS Anima in Pena (Gioia) del Branco degli Spaccaossa, ALIAS Valeria Lucilla Savorgan D'Osoppo del Clan Ventrue.
Tanti auguri Anna!